Responsive image
Gaetano Carlo Chelli

L'eredità Ferramonti

Bibi Book / I Bibini, n. 5
2020, pp. 352, Formato e-pub

ISBN: 9788899895488
€ 1,99
Acquista da Acquista da Acquista da
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Scheda libro

Lo scrittore toscano è il primo narratore che sceglie di ambientare le proprie storie in una Capitale in piena trasformazione, in crescita come “l’mmoralità speculativa”, che vede la borghesia in ascesa muoversi scomposta e rampante. È la Roma di Gregorio Ferramonti, vedovo e soprattutto ricco. Svanita la speranza di vedere uno dei figli succedergli nell’attività, il vecchio mantiene intatta l’ingordigia d’avaro e vende il forno grazie al quale ha fatto fortuna. Da quel momento l’eredità è contesa fra i tre figli: Mario lo scavezzacollo viziato dalla defunta madre, “capace di ogni porcheria”, Pippo, ingenuo e sprovveduto alla mercé della moglie, e Teta, sottomessa all’avido marito Paolo Furlin. Attorno a tutti ruota lei, Irene Carelli, “dagli occhi profondi che illanguidavano all’ombra delle ciglia lunghissime”. Vuole la ricchezza, Irene, ed è disposta a tutto pur di vivere al di sopra del popolo che disprezza.

Autore

Gaetano Carlo Chelli

Gaetano Carlo Chelli (Massa, 1847 – Roma, 1904) definito da Pasolini “dopo Verga e prima di Svevo, il più grande narratore italiano dell’Ottocento”.